07 aprile 2022

Chiedimi Cos'è? con Valerio Casagrande

Valerio Casagrande risponde alla rubrica Chiedimi Cos'è? Sul tema calciomercato

Qual è l'impatto dei calciatori sul bilancio delle società di calcio?

Il rapporto che si instaura tra un calciatore e la società di calcio è decisamente peculiare: il calciatore è, infatti, un dipendente della società e, al tempo stesso, il diritto alle sue prestazioni rappresenta un asset aziendale. Si origina, dunque, una duplice rappresentazione sotto il profilo contabile: la remunerazione a favore del calciatore è inclusa nel costo del personale, mentre il diritto alle prestazioni è contabilizzato, al valore di acquisizione, tra le immobilizzazioni immateriali. Tale valore è soggetto a processo di ammortamento in forma sistematica e in ragione della durata del rapporto contrattuale tra il calciatore e il club.

Cosa sono le plusvalenze derivanti dalla cessione dei calciatori?

E’ una voce caratteristica del conto economico del bilancio di una società calcistica. In particolare, le plusvalenze sono componenti positive di reddito originate dalla cessione dei diritti pluriennali alle prestazioni dei calciatori. In quanto componenti positive di reddito hanno un effetto migliorativo sul risultato d’esercizio. L’importo di una plusvalenza è determinato dal differenziale, positivo, tra il corrispettivo di cessione e il valore di iscrizione iniziale del cespite - ossia il diritto pluriennale alle prestazioni del calciatore - al netto del fondo di ammortamento, ovvero il valore netto contabile. Qualora la cessione determini, invece, un differenziale negativo si determina una minusvalenza, la quale è una componente negativa di reddito che peggiora il risultato d’esercizio. Le plusvalenze, e le minusvalenze, sono una fisiologica conseguenza della cosiddetta attività di calciomercato che qualsiasi club di calcio professionistico esercita. Per alcuni club tale attività rappresenta il fulcro del modello di business aziendale adottato.

Che cosa è la stanza di compensazione della Lega?

Rappresenta un istituto tipico ed esclusivo del calcio italiano, non essendo presente nel contesto internazionale. E’ il meccanismo tramite il quale sono regolate, dal punto di vista finanziario, le operazioni di calciomercato realizzate tra club italiani: i pagamenti, infatti, non avvengono direttamente tra i club, ma tramite interposizione della Lega (o, per meglio dire, delle Leghe, essendo il meccanismo utilizzato dalle tre Leghe professionistiche, Serie A, B e C, nonché dalla Lega Nazionale Dilettanti). Il regolamento non viene effettuato a livello di singola operazione di calciomercato, ma con riferimento al saldo determinato da una pluralità di operazioni, anche di segno opposto. La compensazione scaturisce per l’appunto dalla somma algebrica tra le partite positive (cessioni) e quelle negative (acquisizioni), la quale determina il saldo attivo o passivo in capo a ciascuno club. Il funzionamento della stanza di compensazione è associato a uno strutturato meccanismo di garanzie dei saldi passivi, finalizzato a garantire il tempestivo assolvimento dei pagamenti e la tutela dei club creditori. La stanza di compensazione e il meccanismo delle garanzie sono gestiti amministrativamente dagli uffici delle Leghe.

Valerio Casagrande è coordinatore scientifico del Master Economia e Finanza del Calcio Professionistico in partenza il 27 maggio 2022



Leggi di più

Altre news che potrebbero interessarti