02 settembre 2022

Come diventare Consulente del Lavoro

Sabrina Grazini risponde alla rubrica "Come diventare Consulente del Lavoro"

Cosa fa un Consulente del Lavoro?

Il Consulente del Lavoro è un libero professionista iscritto all’Ordine che si occupa generalmente dell’area giuslavorista e fiscale.

La professione nasce per supportare aziende e lavoratori per quanto riguarda tutti gli aspetti economici, assicurativi e previdenziali nel rispetto delle normative vigenti.

Il consulente affianca la clientela in tutte le fasi della gestione del rapporto di lavoro: dalla sua instaurazione alla sua cessazione.

Rispetto al passato la professione del Consulente del Lavoro è diventata estremamente complessa ed ha avuto una forte evoluzione grazie alle possibili specializzazioni differenti: Asse.co, Politiche Attive, welfare aziendale, smart working, sicurezza del lavoro, gestione delle operazioni straordinarie o della crisi aziendale, mediazione civile e materia previdenziale sono solo alcune delle materie in cui il Consulente del lavoro può dare il suo importante contributo.

Quella del Consulente del lavoro è senza dubbio una professione giovane, dinamica ed in forte ascesa. Oggi, estremamente richiesta dal mercato, vanta in Italia circa 28.000 iscritti.

Si può diventare Consulente del Lavoro senza laurea?

No, oggi non è più possibile esercitare la professione di Consulente del Lavoro senza un titolo universitario.

Con il diploma si può essere collaboratori di studio e specializzandosi maggiormente nella parte amministrativa affiancando il professionista nella gestione quotidiana della clientela.

È un lavoro certamente ricco di scadenze ma altamente dinamico e stimolante perché ricco di novità quotidiane.

Quale laurea per diventare Consulente del Lavoro?

Secondo la Legge n. 12/1979 che regola la professione del Consulente del lavoro, è necessario conseguire una laurea triennale o quinquennale in uno dei seguenti insegnamenti: Scienze dei servizi giuridici; Scienze dell’economia e della gestione aziendale; Scienze dell’amministrazione;

Da qualche anno è stato creato il corso universitario triennale ad hoc di Consulenza del Lavoro all’interno del Dipartimento di Giurisprudenza.

Quali sono i requisiti per diventare un Consulente del Lavoro?

Per svolgere la professione di Consulente del Lavoro bisogna seguire un iter specifico:

·       titolo di studio universitario (laurea triennale o quinquennale);

·       praticantato di 18 mesi e superamento dell’esame di stato;

·       iscrizione all’albo professionale dei consulenti del lavoro;

E poi comincia l’avventura!

Sabrina Grazini è Consulente del lavoro e docente di 24ORE Business School al Corso Intensivo Specialista Paghe e Contributi e al Corso post diploma Esperto Amministrazione del personale e Buste Paga.



Leggi di più

Altre news che potrebbero interessarti