23 novembre 2022

Come diventare un Green Event Manager

Susanna Sieff risponde alla rubrica "Come diventare un Green Event Manager"

Come diventare e cosa fa un Green Event Manager?

Si diventa Green Event Manager studiando ma soprattutto avendo la possibilità di toccare con mano un evento che ha tra i suoi punti di forza una maggiore sensibilità rispetto a un evento tradizionale.

Un green event manager è infatti a servizio dei colleghi per attuare progetti e azioni che aiutino a ridurre l'impatto ambientale dell'evento, che sia un impatto energetico, di consumo di materiali, idrico, di produzione dei rifiuti, relativo alla mobilità e alla logistica fino al food and beverage e al merchandising. In sintesi è un percorso verso un approccio più sostenibile agli eventi.

Cosa significa essere sostenibili?

Significa trovare le soluzioni più responsabili per ridurre l'impatto ambientale, massimizzare l'impatto sociale, con un occhio di riguardo alla sostenibilità economica.

In che modo possiamo ridurre l'impatto ambientale di un evento?

Si dovrebbe lavorare soprattutto sulla fase di design, nella scelta dei materiali e degli oggetti da utilizzare. Uno dei maggiori impatti in assoluto è quello delle catene di fornitura. A volte non pensiamo che utilizzare una divisa o produrre una mascotte abbia un impatto negativo in altri paesi diversi dal nostro, sia in termini ecologici che sociali, ma se non lavoriamo bene sulle forniture quell'impatto ci sarà sicuramente; inoltre si può ridurre l'impatto lavorando sui trasporti, la logistica, la gestione dei rifiuti e tanto altro.

A chi consiglierebbe il Master Green Event Management?

A chi organizza eventi o a chi vuole lavorare con eventi con l'obiettivo di ottimizzare i processi e rendicontare le performance in un'ottica di responsabilità collettiva.

Susanna Sieff, esperta nella sostenibilità di grandi eventi, è docente del Master Green Event Management di 24ORE Business School.



Leggi di più

Altre news che potrebbero interessarti