News

Il valore del dato nelle strategie di crescita del mercato assicurativo

10 Settembre 2019

La migliore strategia di sviluppo per il mercato assicurativo è quella di mettere l’assicurato, cioè il cliente, al centro.

Quante volte l’abbiamo già sentita e letta questa frase? Ormai siamo tutti consapevoli che qualsiasi business di successo debba avere come focus primario quello di rispondere alle esigenze della propria customer base, anche anticipando quei bisogni che il cliente non sa ancora identificare.

Questo è chiaro a tutti. Quello che è un po’ meno chiaro è invece come raggiungere questo obiettivo.

Uno dei più importanti abilitatori è la tecnologia, soprattutto quando si parla di smart innovation, come ad esempio i sensori intelligenti che possono raccogliere dati importanti sulle abitudini dei clienti.

Per sensori intelligenti intendiamo dei componenti IoT (Internet of Things) che ci consentono di trasformare gli input che arrivano dal mondo reale in un flusso di dati digitali. Le informazioni provenienti da più sensori possono essere quindi combinate e correlate per avere insights su tematiche anche future. Ad esempio, i sensori di temperatura e di vibrazione possono essere utilizzati per rilevare in anticipo l’insorgenza di guasti meccanici in un dispositivo come ad esempio una caldaia.

L’analisi predittiva dei dati provenienti dall’Internet of Things, ma non solo, è quindi strategica per comprendere i clienti e il loro comportamento: i risultati delle analisi predittive sono generalmente utilizzati per attività di ricerca sul miglioramento dei processi decisionali, sull’efficienza operativa e sulla creazione di report basati su KPI (Key performance Indicator). Ad esempio, i cosiddetti recommender system, mutuati dai modelli di business B2C, permettono agli assicuratori di avere più opportunità di up e cross-selling, e di anticipare le esigenze future dei clienti in base alle informazioni disponibili sui loro profili personali.

In questo scenario, un’altra delle tecnologie abilitanti che hanno un ruolo chiave è il cloud computing, che aiuta le Compagnie assicurative a ridurre i costi, migliorare la scalabilità, aumentare la velocità di implementazione e di conseguenza migliorare i processi aziendali.

RGI parlerà di sensori intelligenti, ruolo strategico dei dati e cloud in occasione del prossimo Insurance Summit organizzato da 24ORE Business School in collaborazione con Il Sole 24 ORE.

News a cura di RGI