News

Dalla Business School alla Forbes 100 Under 30

30 Marzo 2020

Abbiamo fatto due chiacchiere con Luca Marmo, alunno del Master Marketing, Fondatore di MammaItalia, incluso a marzo nella prestigiosa lista di Forbes. 

«Luca, vai in edicola e compra Forbes». É dalla telefonata di un suo amico che Luca Marmo, 28 anni, ha scoperto di essere stato incluso dal celebre magazine nella lista 100 Number One – L’Italia dei giovani leader del futuro: una rosa che include imprenditori, artisti, sportivi, studiosi e professionisti destinati a disegnare il futuro, tutti under 30. E, da oggi, anche un nostro alumno. Già, perché Luca, che ha fondato insieme a Ivano Raimondo la startup MammaItalia, è stato un “masterino” del Full Time Marketing, Comunicazione e Digital Strategy.

«Oggi abbiamo tutti accesso a un sacco di fonti di informazione – ci racconta -. Il Master, invece, mi ha dato qualcosa che non avrei mai potuto trovare altrove. Mi ha indicato una strada. Il mondo del Marketing e della Comunicazione mi hanno sempre attratto, ma prima non avevo idea di cosa mi piacesse fare e cosa significasse lavorare in quest’ambito. Il fatto di trovare dei professionisti dall’altro lato della cattedra è un vantaggio enorme, significa un contatto diretto e quotidiano con il mondo del lavoro. Ogni giorno imparavo qualcosa che poi trasferivo direttamente nel mio lavoro quotidiano, dal business plan alle strategie di marketing».

Proprio tra i banchi del Master ha mosso i primi passi MammaItalia, un’app che geolocalizza rivenditori di prodotti italiani all’estero. Un’idea che ha permesso a Luca di entrare nella prestigiosa lista di Under 30 di Forbes. Una piattaforma da oltre 10mila punti vendita, di cui 1500 piccoli negozi, quasi 1500 produttori e una community di oltre 30mila persone sparse in 64 nazioni. «Vogliamo diventare un punto di riferimento per il mercato dei prodotti italiani all’estero. Abbiamo appena chiuso un nuovo round di investimenti, lanceremo presto una nuova versione dell’app che integrerà un processo di gamification».

Ma cosa fa Luca Marmo quando non è impegnato a sviluppare la sua creatura? Da tre anni è Sales Manager in Beintoo, una data company che fornisce ai clienti insight e informazioni geocomportamentali, utili nel marketing e nella gestione dei punti vendita. «Sono qui da tre anni. La cosa curiosa è che tra i colleghi, i fornitori e i clienti incontro di continuo persone che ho conosciuto ai tempi del Master. Il networking fatto in quei mesi è qualcosa che mi accompagnerà per tutta la vita».

Un’ultima domanda per Luca: qual è il ricordo più bello che ha del periodo in Business School? «In realtà sono due, uniti da un filo lungo 6 mesi: il primo giorno e l’ultimo. Siamo entrati in aula la prima volta spaventati, timorosi, senza avere idea di come funzionasse il mondo fuori dall’Università. L’ultimo giorno tutto era cambiato: eravamo una squadra, cresciuti insieme tra banchi e progetti di gruppo, sicuri delle nostre abilità, delle nostre risorse, e della strada che avevamo davanti. Pronti a spaccare il mercato del lavoro».