07 ottobre 2021

Management della Distribuzione Cinematografica

Il cinema è il sogno, è l’emozione. Un percorso innovativo per formare professionisti del mondo cinematografico del futuro.

L’industria cinematografica è un rarissimo caso di bene superfluo sempre andato contro-tendenza nei momenti di grave crisi economica, politica o sociale grazie alla sua incredibile capacità di far sognare, di evadere e soprattutto di poterlo fare ad un costo molto contenuto. Oggi invece, di fronte alla pandemia, il cinema sta attraversando la crisi più profonda della sua storia, una crisi dalla quale sta finalmente riemergendo, ma radicalmente trasformato. E come sempre accade, grandi trasformazioni portano grandi sfide, ma anche nuove possibilità da cogliere.

Per affrontare al meglio queste sfide, abbiamo creato un percorso ad hoc, fruibile ovunque e in qualsiasi momento, che possa aiutare i professionisti del mondo cinematografico di oggi, ma soprattutto quelli del futuro, a inquadrare un’industria di cui spesso si conoscono solo alcuni aspetti, così da avere una visione d’insieme e le competenze necessarie per sfruttare le possibilità del presente e contribuire a creare il business del futuro.

Come afferma Michela Casula, partner di Ergo Research e docente del Master Management della Distribuzione Cinematografica, “Già prima della crisi pandemica era emersa una potenzialità inespressa del mercato cinematografico italiano dovuta a vari fattori. Sicuramente un'audience che può aiutare a colmare questo gap sono i giovani 15-34, cioè la fascia di spettatori che potrebbe essere la leva del prossimo rilancio del cinema. La formazione di nuovi professionisti potrà permettere all’industria cinematografica di trasformarsi e rinnovarsi per adeguare il business al contesto in cui viviamo. Un'opportunità unica per cavalcare il cambiamento e contribuire a segnare il nuovo percorso del cinema in Italia e non solo."

In altre parole, nei prossimi mesi o anni si andrà delineando il modello di business che segnerà la strada del cinema del futuro: è pertanto fondamentale affrontare questa sfida a mente aperta e con gli strumenti necessari per coglierne le possibilità e sfruttarle al meglio. In effetti, come dichiara Massimo Proietti (Dir. Marketing di Universal e docente del medesimo Master) “Il cinema è il sogno. È l’emozione. Ma è anche un’industria rigorosa con logiche e tecniche di marketing e vendita estremamente moderne, che richiedono una formazione adeguata per creare una nuova classe manageriale che possa diventare un riferimento per ogni business alla ricerca di novità per la propria comunicazione”.

Ed è proprio la conoscenza del modello distributivo cinematografico, con le sue peculiarità e le distinzioni tra l’approccio delle major americane e quello delle case indipendenti (Italiane e non), che può aiutare a vedere nel modo corretto lo stato attuale dell’industria e le possibilità offerte da un modello distributivo in pieno cambiamento.

Leggi di più

Altre news che potrebbero interessarti

Tax & Legal